Le iniziative dei sindacati per farsi conoscere

Il mondo dei sindacati è sfaccettato ma soprattutto molto frammentato: esistono tanti sindacati di categorie anche molto specifiche, ma per lo più i cittadini conoscono le divisioni politiche dei sindacati, che sono sia di destra che di sinistra che di area – si potrebbe dire usando un termine desueto ma che rende l’idea – “democristiana”.

La stragrande maggioranza di queste sigle sindacali cerca di farsi conoscere attraverso eventi da loro sponsorizzati in tutto o in parte: convegni, corsi, comizi, incontri di piazza e, fra questi, il più famoso rimane in assoluto il cosiddetto “Concertone”.

La storia del “Concertone” del Primo Maggio

Immagine in primo piano Le iniziative dei sindacati per farsi conoscere La storia del Concertone del Primo Maggio - Le iniziative dei sindacati per farsi conoscere

Anche i giovanissimi conoscono questo appuntamento che si svolge ogni anno in piazza San Giovanni in Laterano a Roma: è l’evento musicale gratuito che attira più pubblico in Italia.

Pochi invece ricordano a memoria il legame di quello stesso evento con il mondo dei sindacati: a organizzare ci sono le tre sigle maggiori di sinistra, CGIL, CISL e UIL.

Non che la loro presenza si senta in maniera forte o urlata, anzi si può dire che con il passare degli anni si fa sempre più sfumata e ci pensano i conduttori e i musicisti sul palco a chiedere maggiori diritti per i lavoratori precari, dai rider agli operatori di call center.

La storia del Concertone, ultime edizioni a parte, è particolarmente gloriosa: nel 1990, quando fu messa in piedi la prima edizione, era impensabile che mondo della musica e quello della politica (seppur tangenzialmente) si incontrassero su un palco. Era ancora l’epoca del Pentapartito, e Tangentopoli era alle porte.

Non esisteva ancora la consuetudine degli stage, non c’erano agevolazioni fiscali per chi assumeva un giovane entro i 28 anni, né tantomeno esistevano i contratti di collaborazione. Un mondo completamente diverso da quello di oggi, almeno dal punto di vista del lavoro, che anche il Concertone ha contribuito a rendere più equo (almeno sulla carta).